Storytelling: l’arte di saper raccontare per vendere

Storytelling è l’arte di saper raccontare una storia in grado di persuadere chi legge o ascolta. Oggi lo storytelling è diventato un metodo comunicativo in grado di creare engagement e conquistare il proprio pubblico.

L’importanza delle storie

Fin da bambini impariamo ad ascoltare storie. Racconti che ci invitano a vivere esperienze attraverso parole che comunicano a tutti i nostri sensi.
Attraverso le giuste parole possiamo riuscire a sentire un profumo un sapore, possiamo emozionarci e immaginare nei dettagli qualcosa che ancora non esiste.
Attraverso le storie:

  • impariamo,
  • cresciamo,
  • evolviamo,
  • ampliamo il nostro bagaglio culturale,
  • apriamo la nostra mente.

Le storie incuriosiscono e affascinano tutti.

Comunicazione di marketing e storytelling

Per tutti questi motivi, lo storytelling è diventato uno dei principali e più efficaci strumenti della comunicazione di marketing.
Una tecnica di scrittura per il web sfruttata dai grandi brandche oggi sanno quanto sia efficace raccontare storie. Sia sui loro prodotti che sulla loro azienda.
Sia al pubblico che ai loro dipendenti e collaboratori.
Lo storytelling conquista, fidelizza, unisce.

Lo storytelling efficace

Una storia per essere efficace deve avere gli ingredienti perfetti. Proprio come la ricetta che crea un piatto dal sapore unico in grado di soddisfare la vista, il palato e la digestione.
Saper raccontare una storia è dunque un’arte composta da alcune abilità importanti: un linguaggio semplice e corretto, una buona creatività, una grande capacità di osservazione e attenzione ai dettagli, una forte empatia.
Tutte queste abilità possono creare la storia vincente e rafforzare l’identità di un prodotto, un servizio, un’azienda.

Perché lo storytelling è una tecnica di successo

La tecnica dello storytelling è in grado di far sì che la storia dell’azienda, del prodotto o del servizio conquisti, coinvolga e resti impressa nella nostra memoria del nostro cliente. Come?

  • attraverso il protagonista in cui il tuo cliente (buyer persona) si identifica,
  • raccontando il conflitto (problema) che il tuo prodotto, servizio o azienda aiuta a superare,
  • valorizzando la risoluzione (vantaggi) del tuo prodotto, servizio o azienda.

Personaggi, conflitto e risoluzione sono i tre ingredienti principali di ogni storia coinvolgente.

La forza delle storie nella brand awareness

Ti sei mai chiesto perché alcuni marchi sono maggiormente impressi nella tua mente rispetto ad altri?
Se ci pensi bene, scopri che questi marchi ti hanno raccontato una bella storia. Una storia speciale che ti ha emozionato.
Una storia con dei particolari unici, una melodia, dei colori, uno slogan che ti ha permesso nel tempo di ricordarti e di percepire il brand come qualcosa di famigliare.
Ti invitiamo a guardare questo video, facendolo scorrere velocemente, per mostrarti come è possibile creare un brand di successo attraverso la storia giusta

Studia il cervello per vendere: dalle neuroscienze al neuromarketing

Se vuoi vendere davvero e tanto devi studiare il cervello. Oggi le tecniche di vendita più efficaci sia on line che off line fanno affidamento sulle neuroscienze e sul neuromarketing.

Le neuroscienze

Le neuroscienze (o neurobiologia) sono l’insieme degli studi scientificamente condotti sul sistema nervoso. Essendo un ramo della biologia, le neuroscienze richiedono conoscenze di fisiologia, biologia molecolare, biologia cellulare, biologia dello sviluppo, biochimica, anatomia, genetica, biologia evoluzionistica, chimica, fisica, matematica e statistica, ma, a differenza di altre discipline biologiche, attingono anche da ambiti di studio quali psicologia e linguistica.

(fonte Wikipedia)

Questo significa che oggi se non vendi il tuo prodotto o servizio basandoti sui bisogni e sulle esigenze del cliente in primis, hai perso in partenza.
Qualunque tecnica di vendita che parte dalla presentazione del prodotto o servizio è oggi inutile se non controproducente.

Il cliente evoluto

Il cliente oggi è evoluto e abituato ad essere al centro dell’attenzione.
Trova risposte alle sue esigenze in poco tempo, ha a disposizione molti mezzi per risolvere i suoi problemi e una buona parte della comunicazione che riceve ogni giorno è cucita su misura per lui.
Inoltre, è sottoposto ad innumerevoli stimoli che lo inducono a scegliere ciò che è sexy, attraente e coinvolgente qualunque sia il prodotto o servizio di cui ha bisogno.
Il cliente oggi ha bisogno di emozionarsi perché nel 95% dei casi acquista seguendo un impulso emotivo.

Il neuromarketing

Il neuromarketing è un recente indirizzo del marketing che utilizza le neuroscienze per misurare l’indice di gradimento di un prodotto o servizio sul consumatore.
Utilizza tecniche che studiano il comportamento e le reazioni del consumatore rispetto a colori, forme, profumi.
Studia come e quando il consumatore si emoziona. Ecco perché oggi c’è così tanta attenzione nello studio di un packaging, dell’arredamento di un negozio, nei testi utilizzati per la comunicazione e nella grafica.

Coinvolgi i tuoi clienti altrimenti li conquisterà qualcun altro

Sulle basi di questa evoluzione è necessario adeguarsi ed acquisire le conoscenze basilari di neuromarketing per coinvolgere i propri clienti.
È importante conoscere a fondo il proprio cliente target, essere in grado di entrare in empatia con lui per poter scegliere le parole giuste, i colori adeguati ed i mezzi necessari per rispondere al meglio alle sue esigenze, risolvere i suoi problemi e fidelizzarlo.
Se non lo farai tu lo farà qualcun altro.

Perché ci sono aziende meravigliose con prodotti eccellenti che non riescono a raggiungere il mercato?

In molti casi si osserva un divario culturale tra azienda e cliente target.

Le aziende che non evolvono con questo nuovo modo di vendere e non hanno una forte presenza on line, non riescono a raggiungere il loro mercato nonostante l’eccellenza dei loro prodotti o servizi.
Le aziende oggi devono comunicare al meglio e su tutti i fronti non solo per conquistare i loro clienti, ma per fidelizzarli ed evitare che, attraverso nuovi stimoli emotivi, “scappino” con il primo che passa.

Dunque, da dove partire?

La pietra miliare di quanto descritto è un sito web ben realizzato, veloce ed ottimizzato dal punto di vista della SEO per renderlo visibile, più visibile di quello dei nostri competitor. Poi, alimentato di contenuti interessanti e utili pubblicati con continuità in base ad una content strategy ben studiata, con una progettazione di contenuti che tenga conto delle esigenze del proprio interlocutore, della SEO e dei concetti delle neuroscienze e del neuromarketing.

Bibliografia

Strategia di marketing: l’importanza di comprenderla a fondo

Strategia. Una parola oggi molto usata nell’ambito business. L’etimologia della parola è “comandante dell’esercito, arte militare”.

È la capacità di studiare le risorse a disposizione e il nemico per scegliere le giuste azioni che conducono ad una vittoria.

La strategia di marketing è la capacità di comprendere i propri punti di forza ed utilizzarli per conquistare i propri clienti.

La strategia di marketing

Il punto di forza della strategia applicata al marketing e alla vendita è il Brand. Ovvero ciò che ti distingue nel tuo mercato di riferimento.

Il primo passo verso una strategia vincente è puntare sulla costruzione del Brand, sul suo senso intrinseco, scegliendo di usare il proprio linguaggio personale per comunicare al proprio pubblico.

Il secondo passo è la comunicazione orientata al cliente. Questo significa non solo individuare il cliente target di riferimento, ma imparare anche a parlare il suo linguaggio e soddisfare i suoi bisogni ed esigenze.

Farsi ispirare dalla musica

Questi concetti sembrano semplici finché non arriva il momento di creare la propria strategia di marketing.

Sembra che tutto sia già stato detto, prodotto, commercializzato e forse, a parte alcune idee innovative, è così.

Se vendi tisane o depuratori d’acqua, ti verrà la tentazione di paragonarti alla concorrenza e di distinguerti in base ad essa. Ed è qui l’errore più grande che si possa fare, dispendioso in termini di tempo e denaro.

Per scegliere una buona strategia di marketing ti invito a farti ispirare dal mondo musicale. Sarai d’accordo con me nel considerare che ogni artista si distingue per la sua voce, il suo messaggio, il suo personaggio.

Alcune canzoni appartenenti allo stesso genere possono sembrare simili ad altre, ma quando le senti sei in grado di riconoscere l’artista che ti piace, con cui ti senti affine e che è in grado di creare una musica che ti dona benessere. E quando entri in sintonia e fiducia con quell’artista, non lo abbandoni più.

Una buona strategia di marketing ti fa ottenere lo stesso effetto e risultato.

Strategia di marketing efficace: dai la massima attenzione al tuo pubblico

Immagina di avere un pubblico che spesso si trasforma in cliente. Oggi è così per la maggior parte dei prodotti o servizi. È vero che per molti prodotti c’è l’acquisto di impulso e l’acquisto basato sulla convenienza, ma hanno vita breve e poco ritorno nel lungo periodo.

Quando scegliamo di acquistare ascoltiamo, osserviamo, ci informiamo, leggiamo le recensioni. Siamo prima pubblico e poi cliente. Cerchiamo ascolto, risposte, consigli, soluzioni, benessere e felicità.

Ecco perché è importante imparare a distinguersi, trasmettere la propria impronta unica con autenticità. Altrettanto importante è dare la massima attenzione al tuo pubblico.

Impara ad ascoltare e racconta chi sei

Il pubblico vuole essere ascoltato e compreso. Imparare ad ascoltare attentamente il tuo pubblico ti permette di migliorare la tua offerta e la tua comunicazione. Nella tua storia, nella tua motivazione è nascosto il segreto di una strategia di marketing efficace e non in tutte quelle descrizioni di “valori e mission” che paiono tutte uguali e poco autentiche.

Raccontare chi sei, la tua storia, attraverso uno storytelling efficace ti aiuta a creare fiducia, facendo sì che il tuo pubblico desideri restare sempre con te.

Una storia di successo

Mi piace andare a scoprire nuovi ristoranti ma c’è un posto in cui andrò per sempre.

È un’osteria a conduzione famigliare, dove si gustano piatti tipici, talvolta un po’ troppo conditi per i miei gusti, ma buoni e di qualità. Il posto è accogliente, caldo con semplici tavoli di legno.

Il servizio ai tavoli è svolto dai figli mentre in cucina c’è il papà. Ogni volta che vado lì a pranzo mi sento come a casa. Il papà cuoco esce dalla cucina e passa per tutti i tavoli a chiedere se la pietanza è stata di gradimento e si ferma a raccontare la storia del ristorante, come sceglie i prodotti che cucina, i successi e le difficoltà.

È possibile fare variazioni ai piatti, telefonare prima se si desidera un piatto speciale, scegliere la quantità, cambiare idea all’ultimo minuto e spesso viene offerto il caffè o l’amaro.

Sui social seguo la vita di questa famiglia e posso vedere in anticipo il menù del giorno, verificare l’indice di gradimento dei piatti.  Mi sono accorta che è proprio un piacere andare in questo luogo dove mi sento a casa e che di ristoranti così ce ne sono davvero pochi!

Dai quello che vorresti ricevere tu

Sembra una banalità, ma nell’ambito del business su questo aspetto molte aziende sono davvero indietro o non riescono a mettersi nei panni del proprio pubblico.

Ci si concentra sui numeri, sulle performance, su dati e concetti complicati che spesso non portano ai risultati sperati.

L’anima di una vera strategia di marketing risiede in un concetto semplice: impara a dare quello che vorresti ricevere, tratta il tuo pubblico come vorresti essere trattato ed il tuo pubblico sarà felice di pagare e sarà certo di tornare, ovvero resterà tuo cliente per sempre.

Bibliografia: Dimmi chi sei – Riccardo Scandellari